L’accoglienza, un modo di essere.

Progettare la zona “della reception e dell’attesa” è senza dubbio una delle fasi più delicate di una proposta progettuale di un centro estetico.

Devono essere le zone in grado di fornire immediatamente l’atmosfera generale della proposta dell’estetista imprenditrice, in quanto sono la prima immagine per il cliente che arriva e l’ultima immagine per quello che esce.

L’attesa ad esempio, è il luogo di decompressione della cliente, l’ambiente nel quale staziona prima che le venga dedicato il “suo tempo”, ma può e deve essere un punto di opportunità per suggerire, valorizzare e stimolare.

Deve diventare l’ambiente informale dove dialogare con la cliente, sganciate dall’idea della vendita, con lo scopo di essere un momento di opportunità per comprendere al meglio bisogni e desideri della cliente.

Come diceva il famoso filosofo Gotthold Ephraim Lessing: “L’attesa del piacere è essa stessa un piacere”. Una citazione quanto mai calzante per un centro estetico, nel quale “l’attesa” può e deve essere piacevole, garantendo anche la privacy delle clienti.

Diventa quindi fondamentale e strategica la sua collocazione nello spazio del centro estetico.

Per spiegare meglio questi concetti ho ideato un seminario dedicato all’ambiente del centro estetico in cui spiego come l’unicità del tuo centro estetico possa fare la differenza nella percezione delle tue clienti, come possa essere lo strumento che facilita le proposte commerciali e potenzi le vendite, come possa essere il 1° strumento di coerenza idoneo al raggiungimento dei tuoi obiettivi imprenditoriali,… e molto altro ancora.

Ti aspetto a Napoli il 09 Luglio.
Un caro saluto.

Antonietta