E’ l’ora del cambiamento!

Marzo è il mese del cambio dell’ora legale, le giornate si allungano, la luce e i primi caldi (se arrivano) ci invogliano alle pulizie e ai cambiamenti più o meno invasivi.

Se spesso affermo che il “Il cambiamento può iniziare da un dettaglio” è anche vero che per vedere una trasformazione che ci motivi e che stimoli la curiosità di nuovi clienti e gratifichi gli esistenti, il cambiamento deve essere WOW!

Una piacevole meraviglia, una ricarica emozionale che inevitabilmente produce una reazione sempre positiva sotto tutti i punti di vista.

Non sempre tutto il Centro Estetico deve essere investito dal cambiamento, può essere un processo programmato e graduale a seconda delle urgenze di immagine, visibilità, organizzazione e destinazione d’uso delle aree.

E’ quello che ha deciso due mesi fa il Centro Estetico Corporea di Todi di Marina Pazzaglia.
Antonietta Lombardi trasformazione centro estetico Corporea todi prima

  • ZONA “Reception”
  • AREA “21 MQ”
  • OBIETTIVO “Lettura pulita degli spazi, dei servizi e dei prodotti”
  • STILE “Contemporaneo”

Nessuna modifica strutturale portante e medesimo pavimento. Il bianco ancora protagonista nelle sole varianti del lucido ed opaco per creare leggere ombre e profondità. Ora 21 mq. di pulizia visiva per leggere nettamente le diverse aree di servizio.

La zona nail leggermente protetta da una porta scorrevole satinata con logo, che apre completamente la sua visuale quando la porta scorre dietro il muro. Una zona trucco dedicata e una zona reception che comunica con l’esterno attraverso il nuovo serramento completamente trasparente.

Un parziale abbassamento soffitto con effetto sospeso, completa questo progetto ma soprattutto questa trasformazione che Marina ha condiviso immediatamente.

Entro il mese di aprile, tutto questo diventerà il nuovo biglietto da visita del Centro Estetico Corporea.
Antonietta Lombardi trasformazione centro estetico Corporea todi dopo

Per tutte le estetiste UN CONSIGLIO.

La zona della reception è il luogo più importante del Centro Estetico, quello che attrae o respinge, quello che propone e vende, quello dell’accoglienza e del congedo. Togliete il superfluo, lasciate spazio per leggere al meglio tutte le situazioni, riunite per argomenti prodotti e zone dedicate. Lasciate che l’ambiente sia un vostro alleato e non un puro contenitore di oggetti e dei vostri stati d’animo!

Antonietta

Febbraio tempo di Carnevale

Festa, colori, elementi giocosi, di fantasia e di creatività. La maschera, l’elemento distintivo e caratterizzante di questo evento. Nel passato l’uso della maschera e dei costumi permetteva a tutti di nascondere e di tenere segreta la propria identità. Si annullava, in questo modo, ogni forma di posizione sociale, religiosa e di sesso. Era l’opportunità, per un tempo limitato, di essere ciò che nella quotidianità non si era. Un’altra identità sognata, desiderata, celata. Forse.

L’identita’: una questione importante

Il Carnevale poi finisce e l’identità rimane una cosa seria. E’ l’insieme di tutte le caratteristiche che ci rendono unici, distinguibili, inconfondibili e riconoscibili.

Così come l’unicità dell’ambiente Centro Estetico per esprimere l’identità chiara dell’estetista, per essere distinguibile, inconfondibile e riconoscibile all’interno di una moltitudine di proposte.

Cara Estetista, pensi di esprimere la tua identità nel tuo Centro Estetico? Sei coerente con il tuo Ambiente? Cosa ti caratterizza per essere ricordata?

Dopo aver risolto le esigenze funzionali, pratiche e tecniche, ti consiglio di porre l’attenzione sul tuo Ambiente. Non una questione di dimensioni ma di emozioni. Ambiente che ha il delicato compito di essere memorizzato dalle clienti come il luogo ideale di benessere globale. Un ambiente che ti rappresenta e racconta attraverso un TUO Stile ciò che sei e a chi ti vuoi rivolgere. E’ lo strumento che in modo silenzioso, ma sempre presente, seleziona il tuo “Target”, racconta la tua storia, il tuo sviluppo, il tuo fare attraverso la scelta consapevole delle tue linee, delle tue forme, dei tuoi colori: “il TUO Stile”.

Non ambienti pieni ed ingessati ma spazi vuoti da riempire a secondo delle tue necessità, dei tuoi obiettivi per poi lasciare ancora spazio al vuoto. Un ambiente che deve sapersi trasformare a seconda della stagionalità, degli eventi, delle promozioni. Non un cambiamento radicale ma piccole modifiche. Una cabina, una zona, la reception, luogo importantissimo di accoglienza, congedo, proposta e vendita. Parti da ciò che ritieni più critico e semplicemente elimina il superfluo per lasciare spazio solo al presente. Le clienti apprezzeranno e potrai più facilmente dare Valore al TUO Valore attraverso una lettura più chiara del TUO ambiente!

Antonietta

P.S.: se vuoi condividere con me i tuoi dubbi contattami senza esitazione.

La complessa Alchimia degli ingredienti del Centro Estetico

La complessa alchimia di “ingredienti”, differenti tra loro, che si manifestano nei tuoi prodotti e nei tuoi servizi, creano la suggestione dell’ambiente che porterà al successo di pubblico il tuo centro estetico.

La scelta da parte del consumatore relativamente all’acquisto o alla fruizione di un servizio, avviene inconsciamente; guidata dall’emozione che scaturisce di fronte ad un ambiente coerente, attraente, carico di atmosfere ricche di simbologie e magnetismo.

La perfetta “sintonia” la si può ottenere anche grazie all’ausilio di effetti illuminotecnici, di alternanze visive, tattili e auditive all’interno delle quali tu devi imprimere la tua identità e la tua cliente deve riconoscersi e identificarsi.

Per spiegare meglio questi concetti ho ideato un seminario dedicato all’ambiente del centro estetico in cui ti illustro come l’unicità del tuo centro estetico possa fare la differenza nella percezione delle tue clienti, come possa essere lo strumento che facilita le proposte commerciali e potenzi le vendite, come possa essere il 1° strumento di coerenza idoneo al raggiungimento dei tuoi obiettivi imprenditoriali,… e molto altro ancora.

Ti aspetto a Napoli il 09 Luglio.
Un caro saluto.

Antonietta

P.S.: se sei in procinto di realizzare, ristrutturare o trasferire il tuo centro estetico, porta con te il progetto ti darò qualche consiglio su misura.

L’accoglienza, un modo di essere.

Progettare la zona “della reception e dell’attesa” è senza dubbio una delle fasi più delicate di una proposta progettuale di un centro estetico.

Devono essere le zone in grado di fornire immediatamente l’atmosfera generale della proposta dell’estetista imprenditrice, in quanto sono la prima immagine per il cliente che arriva e l’ultima immagine per quello che esce.

L’attesa ad esempio, è il luogo di decompressione della cliente, l’ambiente nel quale staziona prima che le venga dedicato il “suo tempo”, ma può e deve essere un punto di opportunità per suggerire, valorizzare e stimolare.

Deve diventare l’ambiente informale dove dialogare con la cliente, sganciate dall’idea della vendita, con lo scopo di essere un momento di opportunità per comprendere al meglio bisogni e desideri della cliente.

Come diceva il famoso filosofo Gotthold Ephraim Lessing: “L’attesa del piacere è essa stessa un piacere”. Una citazione quanto mai calzante per un centro estetico, nel quale “l’attesa” può e deve essere piacevole, garantendo anche la privacy delle clienti.

Diventa quindi fondamentale e strategica la sua collocazione nello spazio del centro estetico.

Per spiegare meglio questi concetti ho ideato un seminario dedicato all’ambiente del centro estetico in cui spiego come l’unicità del tuo centro estetico possa fare la differenza nella percezione delle tue clienti, come possa essere lo strumento che facilita le proposte commerciali e potenzi le vendite, come possa essere il 1° strumento di coerenza idoneo al raggiungimento dei tuoi obiettivi imprenditoriali,… e molto altro ancora.

Ti aspetto a Napoli il 09 Luglio.
Un caro saluto.

Antonietta

La Cabina di Legno

L’inverno è alle porte e l’atmosfera si riscalda.

Design e tecnologia per l’antico calore del legno e del fuoco, il movimento dell’acqua e i colori della luce.
La finitura legno è, indiscutibilmente, la protagonista di questa cabina. Un’idea di benessere e relax, di accoglienza e serenità, che spesso solo il legno e i materiali naturali sanno creare.

antonietta-lombardi-cabina-legno-04Dal pavimento al soffitto passando anche attraverso le pareti, interrotte solo da due lastre di piallaccio di pietra che accolgono da un lato il lavabo a colonna e dall’altro un camino a bioetanolo, questa cabina “coccola” non può mancare in un centro estetico o benessere. L’illuminazione, modulabile nei colori e indipendente per ogni corpo illuminante, gioca un ruolo fondamentale per adattare la cabina alla destinazione d’uso che si preferisce. Infine morbide spugne in tonalità per completare ed avvolgere.
Sfatati i pregiudizi del legno come materiale delicato e talvolta rustico, qualsiasi sia la vostra idea di benessere o di stile, per me rimane uno dei materiali più belli, quello che soddisfa tutti i sensi e restituisce un’atmosfera unica soprattutto in questo periodo!

Antonietta

E’ possibile vedere la cabina prendendo appuntamento. Tel.: 338 712 8067

Centro Estetico Mani di Fata

logo-mdfmani-di-fata-vetrata34 mq. di desiderio di Indipendenza.

Piano terra con grande vetrata a dare luce naturale all’ingresso e alla cabina principale viso-corpo.

Come spesso capita, un altro progetto e realizzazione dove le dimensioni del locale non diventano un limite ma una sfida a “farci stare tutto!”.

Gestione affidata solo a Pamela, la titolare di questa bomboniera.

Una cabina viso-corpo completa di tutti i confort e servizi igienico-tecnici e una cabina manicure-pedicure.

travi-mani-di-fataSi parte sempre dall’Identità dell’Estetista, da ciò che vuole restituire attraverso l’ambiente alla sua clientela, ma sicuramente l’aspetto strutturale di questo ambiente ha dettato subito alcune linee guida.
Le travi a vista dall’aspetto naturale hanno dato suggerimento e spunto alla realizzazione di un Centro Estetico “dolce”.

accessori-progetto-mani-di-fata

I mobili di servizio lineari, in sintonia cromatica con le travi, risaltano su pareti e boiserie in finitura legno chiaro con cornici sagomate di completamento.
Un grande specchio retro-illuminato raddoppia la zona ingresso duplicando il grande logo dipinto a mano sulla parete di sinistra e diventa una grandissima plafoniera a parete.
Una consolle attrezzata come banco reception con alte gambe per lasciare spazio visivo e allargare ancora.
L’esposizione prodotti realizzata con mobili dalle linee moderne ma dai materiali e dai colori caldi in armonia con il resto degli arredi.
Un gioco importante di luci realizzate con Led bianchi e RGB e con faretti ad incasso danno risalto agli abbassamenti in cartongesso, al movimento delle pareti e alle cornici di finitura in legno laccato proposte in 5 varianti di altezza.
Cornice di finitura per la parte superiore della pareti.
2 Cornici per i battiscopa. Sagomato per il corridoio esterno e liscio all’interno alle cabine.
2 Cornici per i mobili e la boiserie.

Le pareti divisorie, realizzate in materiale lavabile con leggere venature sbiancate bianche conferiscono ancora più intimità a questo “Piccolo Centro Estetico”.
Le porte scorrono esternamente alle pareti con i binari nascosti nelle alte cornici superiori, predisposte anche per l’alloggiamento di un binario di luce per definire anche verso il soffitto il perimetro della suddivisione.

mani-di-fata-progetto-antonietta-lombardi-00

Mani di Fata ha aperto il 12 giugno 2016.

mani-di-fata-progetto-antonietta-lombardi-01

mani-di-fata-progetto-antonietta-lombardi-02

Questo progetto racchiude tutto il mio concetto di dolcezza…

“sentirsi come un confetto in una bomboniera”
Antonietta

Solo elegante… realizzazione

La reception è senza dubbio il biglietto da visita di questo Centro Estetico, espressione per distinguersi immediatamente.

Un Progetto su misura non solo nelle dimensioni ma nelle forme, nel design e nei materiali.

antonietta-lombardi-alice-serigrafia-alice-schizzo
antonietta-lombardi-alice-serigrafia-alice

Il motivo floreale traforato su pannello laccato e retroilluminato si è ben prestato ad accogliere la rotondità del logo, facendo diventare il tutto estremamente esclusivo e personalizzato.

Il banco pezzo unico e ben proporzionato ricorda forme classiche e pulite, i tendaggi e i lampadari completano elegantemente questa zona di accoglienza e di proposta vendita.

antonietta-lombardi-alice-reception-render-r
antonietta-lombardi-alice-reception-realizzazione
render
realizzazione

Dalla reception si accede alla cabina multifunzione. Taglio estetico decisamente più lineare, mobili bianchi studiati su misura per accogliere la tecnologia strumentale e alcuni particolari preziosi (lavabo in appoggio in marmo nero e il decoro nell’ampio vano doccia) per non perdere di vista una nota di eleganza.

antonietta-lombardi-alice-cabina
antonietta-lombardi-alice-cabina-dett-00

Di natura completamente diversa la “cabina di Alice” al primo piano. Pavimento in legno e toni più caldi alle pareti accolgono un lettino massaggio davvero unico.
Dalle dimensioni importanti cm. 100 x 200 il lettino è praticamente una scultura in massello di acero.

Un’atmosfera particolare, anche olfattiva, rende questo ambiente originale ed esclusivo.

antonietta-lombardi-alice-cabina-1-piano
antonietta-lombardi-alice-realizzazione-collage

Il Centro Estetico Alice Berto ha aperto a giugno 2016!

antonietta-lombardi-alice-banner-inaugurazione

Questo progetto racchiude tutto il mio concetto di eleganza…

“ L’eleganza. La possiedi dentro”
Antonietta

Solo elegante… 100 mq di Pregio Estetico.

Due piani di buon gusto e cura dei particolari in un contesto strutturale che ben si è prestato ad accogliere un ambiente raffinato.

100 mq di Pregio Estetico, dove grazia e semplicità delle linee hanno dato risalto all’utilizzo di materiali preziosi come il marmo, i mosaici, i legni laccati, i masselli naturali e i morbidi tessuti.

Un progetto cromatico a 4 mani dove il colore “Champagne e Tiffany” è stato l’input alla progettazione. La direttiva ha consentito un risultato nelle gradazioni del colore principale e nessuna interruzione a distrarre uno spazio rilassante e tranquillizzante.

logo-brand-mano
logo-brand

Il colore Tiffany solo nel logo, ideato dalla stessa Alice, e nella personalizzazione delle spugne.

antonietta-lombardi-catalogo-tiffany
antonietta-lombardi-alice-spugne

CURIOSITA’
Blue Tiffany, questo è il nome colloquiale del colore che riconduce alla famosa gioielleria Tiffany & Co. di New York. Un colore così particolare che non si può sminuire chiamandolo turchese, acquamarina, azzurro, verdino…. Il Blue Tiffany è un colore protetto da copyright, viene prodotto da Pantone con numero PMS 1837, numero che corrisponde all’anno di fondazione di una delle aziende di gioielli più amate dalle donne.

Torniamo alla storia… La prima volta che il noto brand americano ha utilizzato questo colore è stata nel 1845. Da allora Tiffany & Co. ha sempre usato la tinta per tutti i suoi materiali promozionali, comprese le famose borse e scatole. Il Blue Tiffany venne scelto proprio dal fondatore Charles Lewis Tiffany per la copertina della prima edizione Blue Book, una raccolta annuale di gioielli fatti a mano.

…continua

Progettazione: “Arte del Benessere”.

logo-arte-del-benessereA questo Centro Estetico non manca proprio nulla.

Una zona reception con piccolo “angolo ufficio” quasi a scomparsa, esposizione prodotti integrata nella parete in cartongesso che realizza la cabina multifunzione, una parete di comunicazione vetrina che realizza la cabina mani-piedi “su misura di Giovanna”, una cabina benessere, completa di ogni confort nella zona più intima del locale, una zona privata, bagno e antibagno.

Mobili bianchi lineari appoggiati su un pavimento color moka, risaltano su tinteggiatura color cipria e finiture gentili in gesso.

Illuminazione studiata per ogni tipo di situazione. Funzionale, generale e d’atmosfera.

Luce come tecnologia ma anche pensiero, scenario, emozione, concepita per il benessere del cliente.

L’accurata ricerca e l’attenzione ai particolari hanno fatto in modo che la parte esecutiva si discostasse pochissimo dal progetto originale, e qui devo un ringraziamento particolare a Pier, meticoloso e puntuale che ha permesso una realizzazione precisa e analitica.

antonietta-lombardi-arte_del_benessere-t-01
antonietta-lombardi-arte_del_benessere-t-00
img-20160113-wa0001

Particolare anche l’idea dell’ INAUGURAZIONE. Quattro pomeriggi, dalle 16,00 alle 20,00, per poter diluire in uno spazio concentrato, un tempo dedicato a tutte le persone incuriosite da questa trasformazione globale.

A sorpresa per gli scettici…un GRANDE SUCCESSO per Giovanna e Melissa!

antonietta-lombardi-arte_del_benessere-finale-00
antonietta-lombardi-arte_del_benessere-finale-01

Questo progetto racchiude tutto il mio concetto di idea…

“un’idea di luogo ideale”
Antonietta

Servizio e passione in 50 mq

Un cambiamento di sede e un ridimensionamento drastico del Centro Estetico, ha permesso al nuovo “Arte del Benessere” di realizzare un concentrato di servizi, tecnologia e passione in soli 50 mq.

logo-arte-del-benessereantonietta-lombardi-arte_del_benessere-planimetriaPassare da 140 a 50 mq, sembrava un’idea impossibile e non solo dal punto di vista progettuale. Le perplessità sono state ovviamente tante, ma il desiderio di cambiamento come punto di partenza per una nuova e rinnovata visione del Centro Estetico, ha permesso di ottenere una vera Coccola. Una quantità di sostanza in una riduzione di volume importante, come importanti sono state tutte le decisioni per riunire in condensato tutto quanto era ampiamente prima.

Non solo quindi arrivare alla SOLUZIONE GRAFICA “ G ” ma un pensiero, un programma e una pianificazione globale, per ottenere “un’idea di luogo ideale”.

Pianificazione che continua con una sistematica assistenza e consulenza d’immagine e comunicazione nelle varie forme espressive.


Antonietta

antonietta-lombardi-arte_del_benessere

…continua